15/07/21

Bozzolo

Questa stanza è bozzolo, ma io non sono mai diventato farfalla. Pipistrello, piuttosto, accecato, svolazzo senza meta. Il mio entourage mi dice cosa fare, chi incontrare, come monetizzare ogni istante della mia vita. Vita. Quattro lettere che possono contenere tutto e il suo contrario. La mia vita è un amico che mi ha tradito, una madre che mi ha confezionato, un padre che non ho mai abbracciato, una donna che ho sfruttato.

"Mi hai trattato come una puttana" mi ha detto Angela, prima che se ne andasse.

Io non le ho saputo rispondere. Assurdamente mi inginocchiai, le bloccai le caviglie con le mani e cominciai a piangere. Per finta. Lei rise, una risata consapevole, non isterica, una risata convinta, vera. 

Lasciami andare, pagliaccio.

Facciamo un figlio, rinasciamo tramite nostro figlio.

Scrivilo in un libro. È una frase a effetto. Vecchia. A me fa vomitare.

Non lasciarmi.

Stai scherzando?

Ti prego.

Se stai pensando ai tuoi contratti, alla tv, ai progetti editoriali, non preoccuparti. Sei una gallina dalle uova d'oro, per tutti. Soprattutto per mio padre. Sarebbe un coglione se ti mollasse.

Ti prego.

Mi preghi di cosa? Hai distrutto quelli che potevano essere gli anni migliori della mia vita, della nostra vita. Tu reciti. Io chiudo il sipario. Non diventerai il regista della mia vita. Non voglio vivere sotto i tuoi riflettori. Mi hai tradita. Stop. Chiuso. Non voglio nemmeno il rimborso del biglietto.

Ti prego.

Rideva e piangeva. Ha lanciato l'anello sul pavimento. Io non ho mai pianto. Non capisco perché. Vorrei capire perché.



2 commenti:

  1. "Facciamo un figlio. Non lasciarmi. Ti prego. Ti prego. Ti prego."
    Giustamente se uno non ha mai pianto in amore, piange per finta. Ma devi essere bravo. A me è capitato. L'anello non me lo ha tirato, ma un paio di schiaffi li ho presi. E' come se il mondo ti si disfacesse attorno, la quinta si apre e tu devi recitare a braccio, piangere anche chiedere scusa, implorare. Fino a che il sipario cala. Se arrivano gli applausi, sei stato bravo. E può anche ricominciare tutto. Perché tu sai cosa reciti, ma il pubblico no. E ti concede un'altra chance.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Franco per questo tuo commento così limpido.

      Elimina

commenta perché... condividere fa bene!