05/10/09

Il mio penny. La mia canzone di ieri.


Mio padre mi diceva: "lui sì che è un artista!". E io, bambino, mettevo nel mio penny questo disco. Non capivo bene le parole, non capivo se era amore, gioia, dolore, rimpianto, sensazione di libertà. Non capivo perchè Don Backy non si vedesse in giro. Un po' come succedeva a Mia Martini. Un amico di famiglia, in viaggio sull'Etna, mise nella sua autoradio "Minuetto" almeno 10 volte di fila e ripeteva: "E' la migliore. E' senza dubbio la migliore". Chissà perchè i migliori sono destinati a soffrire, a lottare per far sentire la propria voce. Don Backy l'ho visto qualche mese fa dalla Clerici, ospite a "Ti lascio una canzone". Beh, credo che quei 10 minuti abbiano spiazzato tutti. La poesia, la limpidezza e la rabbia dolce, mai urlata, erano un insieme magico in una serata come tante altre nei palinsesti della nostra tv. I bambini, impegnati a duettare con le "star", accanto a Don Backy sono tornati bambini, si sono arresi all'insostenibile confronto. Impareggiabile lo spessore delle canzoni nella loro semplicità; difficile, per un bambino, cantare come un adulto che torna un po' bambino, alla purezza e alla freschezza dei sentimenti definiti e netti che solo un bambino riesce a trasmettere.
So che l'artista Don Backy negli anni 70 è stato estromesso, per sua scelta, forse, dal "giro che contava". Ricordo mio padre che mi diceva: "Ha litigato con Celentano". Non sono cose che m'interessano oggi come non m'interessavano ieri. Io rimanevo incantato e rimettevo da capo questa canzone. Tutto qui. Ieri come oggi mi pare descriva la vita, tutta la vita, in un crescendo di note.
Rimetto nel mio penny virtuale questo disco che mi riporta a casa, tanti anni fa, che mi fa rivedere i quadri del mio soggiorno, quelli che mio padre dipingeva sbagliando sempre le prospettive ma a noi piaceva così, che mi fa tornare lì sul mio balcone dove d'estate, con lo scirocco, i panni stesi danzavano e si asciugavano in 10 minuti. Torno nella mia poltrona, in mano il mio penny, di fronte a me le montagne e più a sinistra il mare. Mia madre che ci chiama: "A tavola!!".

ps: ringrazio virtualmente il proprietario del video che linko.

14 commenti:

  1. O Dio Bruno, in che tempi addietro mi porti con il tuo racconto. E si ricordo il nostro "Mangiadischi" lo portavamo dapertutto,era come portare una borsetta, bastavano solo le batterie di riserva quando eravamo fuori, apparte i nostri 45 giri. Una delle mie canzoni freferite in quei tempi era di Celentano, questa > http://www.youtube.com/watch?v=AzpXdYUa14o < " Storia d´amore. Mia sorella ha solo un anno piú di me, quindi eravamo quasi sempre insieme. ricordo che la canzone la recitavamo addirittura, si, eravamo delle commedianti, ci piaceva recitare/mimare questa canzone. trovavo divertente la canzone dei Giganti.. " Tema " forse per la voce molto bassa di uno dei cantanti. Noi eravamo 9 figli. di quei tempi non sono le mazzate che prendevo dai miei genitori che ricordo no,ricordo solo le cose belle é calde, di quando la sera mio padre si ritirava e anche se fosse stanco delle volte ci riuniva e, mentre mamma preparava la cena, noi seduti in cerchio sulle sedie da cunina e mio padre al centro, mentre ci raccontava storie favolese,che ci spaventavano o ci stupivano. inventate o no da lui. Mentre lui raccontava, di noi non si sentiva nemmeno il respiro,nemmeno le mosche li si permettevano di ronzare! :-)
    Buone cose Bruno.
    Rosa

    RispondiElimina
  2. Ps: La canzone da te citata di Don backy "Poesia" é veramente bella. devo dire che in quei tempi non so perchè non apprezzavo molto questo cantante, forse perché ancora non immaginavo che non ci sarebbero piú stati cantanti cosí nel futuro ( oggi ) Il mio idolo era Domenico Mudugno, forse perché somigliava moltissimo a mio padre. Comunque mi piaceva un poco di tutto. come oggi non ho un unico preferito, mi piace tutto quello che é bello per me, e che mi colpisce l´anima, come lo fá Tiziano Ferro con " alla mia etá "

    RispondiElimina
  3. grazie Rosa per il tuo commento e grazie per le belle immagini e le forti emozioni che hai trasmesso. Avere una famiglia così numerosa sarà sicuramente impegnativo...ma tutto ciò di bello che può accadere viene moltiplicato di conseguenza, no? :)! A presto!!

    RispondiElimina
  4. Ciao Bruno,
    non mi sono dimenticata di Te...
    sono stata tanto impegnata...ieri però sono riuscita a leggerti...e ho pensato alla mia canzone..ma non sò decidere !!!:)
    Un "casino"..ne ho tante che... il tuo "mangia dischi" andrebbe in fusione:)
    Comunque una che ricordo con piacere è Nikita di Elthon John...e ti spiego il motivo...avevo 12 anni...ancora non traducevo le canzoni...sentivo solo la melodia...è stata la prima canzone che ho registrato per imparare ad usare il mio "radiocassete"...era nuovo...comprato perchè...avevo la cassetta con i dialoghi...del libro di testo di inglese delle medie......e se ti devo dire la verità...la cassetta d'inglese l'avrò ascoltata tre volte:))...ma di musica...fino a romperlo !!!:) comunque Nikita...incredibilmente mi è rimasta sempre nel cuore...
    poi....con l'adolescenza...il mio idolo Ramazzotti....poster, libri...:)..che ridere !!...
    ora direi che adoro tutta la musica...e mi piace molto Poesia di Don Backy...e anche Minuetto...che credo sia anch'essa..una poesia.
    Ciao e grazie...ma la tua canzone preferita ????:)

    RispondiElimina
  5. Ciao cara Vania! Nikita? Mitica.
    La mia canzone preferita in assoluto? Proprio in assoluto?
    Mi devo svelare, dunque?
    Bene. La mia canzone preferita è "Il tempo di morire" di Battisti. L'avrò strimpellata e cantata 2600 volte nella mia vita e la mia vicina di casa pregava che io schiattassi col plettro in mano o che cambiassi domicilio quanto prima. Per fortuna si è avverata la seconda ipotesi.
    Grazie per il tuo commento e a presto!!! Ciao!

    RispondiElimina
  6. Svelato !!!:)...ciao e grazie della tua simpatia !!!...mi hai fatto sentire un po' in colpa...:(...ma sei uno psicologo...e te la sai cavare...con le parole !!!:)
    a presto Vania

    RispondiElimina
  7. anch'io avevo un mangiadischi, arancione se non sbaglio... dalle cantafavole (per poco) sono passato direttamente a Gianni Morandi e - penso - Patty Pravo (forse il primo disco comprato ad un mercatino...) e De Gregori.....
    Grazie del passaggio da me, a presto

    RispondiElimina
  8. Mi spiego..io di solito ..non uso chiedere...ma mi è venuto spontaneo...come se ti conoscessi da tanto...
    ...io sono così...:(...era già una sensazione che mi era venuta precedentemente...non appena...avevo lanciato.."posta commento"
    ...mi è venuto freddo...magari...non avevi scritto la tua canzone preferita perchè non volevi...e magari ti sei sentito in obbligo di scriverla...e poi mi sono sentita un po' in colpa...quando ho letto " mi devo svelare, dunque ? "
    hei...sono strana....:)...ciao Bruno...:))

    RispondiElimina
  9. P.s. Io di Battisti adoro la Luce dell'est !!!:)

    RispondiElimina
  10. @fabio: benvenuto e grazie per aver commentato. Anch'io sono passato dal "pesciolino d'oro" di "a mille ce n'è..." e i vari Gig Robot d'acciaio alla discografia anni 60 che i miei genitori tenevano nell'armadio. Mi sa che ho saltato uno step, ovvero la canzonetta preadolescenziale...a presto fabio!!
    @vania: luce dell'est fantastica. Il fatto che mi fossi svelato era una battuta!! Ho aperto il blog apposta per svelarmi! La canzone del post "Poesia" è legata ad immagini e sensazioni dell'infanzia belle che rimarranno sempre dentro di me. Ma la mia canzone preferita è l'altra. Ti confesso che era da tanto che non cantavo in macchina. Questo pomeriggio ho chiuso ben bene i finestrini e lungo la tangenziale ho dato libero sfogo alle mie ugole arrugginite...proprio con "motocicletta 10 hp". Dunque, ti ringrazio, cara Vania, per questo input!! A presto!!
    ps: siamo abituati a non chiedere mai, per paura di urtare la sensibilità degli altri o per evitare noie...ma spesso gli altri non vedono l'ora di dare...ciao!!!

    RispondiElimina
  11. ..non vedevo l'ora di vedere la tua risposta !!!:)
    ...io canto sempre in auto...a casa quando faccio i lavori..in doccia...sono pazza !!!:))
    ...grazie della tua sincerità !!:) Vania

    RispondiElimina
  12. ciao Vania e buona giornata!!
    nb: stamattina mi sono reso conto, leggendo i miei commenti, di avere aggiunto un'ugola alla mia in dotazione. Penso proprio che siano arrugginite anche le mie nozioni base di fisiologia! ;)

    RispondiElimina
  13. Buon giorno Bruno, ti ho appena cliccato per lasciarti un commento, per chiederti come mai non ti fai più vedere, se stai bene, ma ho letto il messaggio di testa che hai appunto lasciato per noi che ci preoccupiamo sulla tua assenza quindi, mi sono tranquillizata. Sei trá i miei visitatori più gentili e garbato, molto altruista e amichevole, mi mancavi. Spero a presto. Un abbraccio, ciao.

    RispondiElimina

commenta perché... condividere fa bene!